• Chiama: 0833 911 722
  • Email: sorgentecomunita@libero.it
  • Orari di apertura: 8:00 - 14:00

Domande frequenti

Puoi consultare le domande e risposte già formulate  per verificare subito se l'informazione che cerchi è già disponibile. 

Q A Cos'è il Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata (SADI)?

E’ un servizio della Società che fornisce assistenza socio-sanitaria presso il domicilio del paziente.

Q A Dove si trova?

E’ ubicato presso la sede di Taviano della Società.

Q A Chi ha diritto al Servizio di Assistenza Domiciliare Integrata?

L'Assistenza Domiciliare Integrata è rivolta a soggetti in condizione di non autosufficienza o ridotta autosufficienza, derivante da condizioni critiche di bisogno socio-sanitario: persone anziane e parzialmente non autosufficienti; persone anziane o disabili, minori e adulti, in condizioni di fragilità; persone con patologie in atto temporaneamente invalidanti, trattabili a domicilio; pazienti in dimissione socio-sanitaria protetta da reparti ospedalieri; persone con disabilità, pluripatologie e patologie cronico-degenerative che determinano limitazione dell’autonomia; persone affette da malattie croniche invalidanti e/o progressivo-terminali.

Q A Come si Contatta il SADI?

E’ sufficiente telefonare al numero telefonico 0833 911 722.

Q A A chi sono destinati i servizi di Assistenza Domiciliare Integrata erogati dalla Società Sorgente?

I servizi di Assistenza Domiciliare Integrata erogati dalla Società Sorgente sono destinati a soggetti in condizioni di non autosufficienza oppure di autosufficienza ridotta, temporanea o protratta, in condizioni critiche di bisogno socio–sanitario.

Q A Quali sono i requisiti e le condizioni di eleggibilità per l’attivazione del Servizio ADI in convenzione con il SSN?

Requisiti o condizioni di eleggibilità generali per l’attivazione del Servizio ADI, sono: condizione di non autosufficienza, disabilità e/o di fragilità (determinata dalla concomitanza di diversi fattori biologici, psicologici e socio-ambientali che agendo in modo coincidente inducono ad una perdita parziale o totale delle capacità dell’organismo), e patologie in atto o esiti delle stesse che necessitano di cure erogabili a domicilio; adeguato supporto familiare e/o informale; idonee condizioni abitative; consenso informato da parte della persona e della famiglia; presa in carico da parte MMG/PLS; residenza in uno dei Comuni dell’Ambito territoriale della Società.

Q A In quali fasi si articola la procedura di valutazione e presa in carico dell'utente da assistere?

La procedura di valutazione e presa in carico si articola nelle seguenti fasi. La domanda di accesso al servizio ADI è formulata dalla persona in stato di bisogno o, in caso di interdizione, dal tutore ovvero, con il consenso informato della persona interessata, da un familiare, dall’assistente sociale interessato al caso, dal MMG/PLS, dal medico della unità ospedaliera, dal soggetto civilmente obbligato. La domanda è corredata da una relazione medica del MMG/PLS o del medico del Reparto ospedaliero per pazienti in fase di dimissione ospedaliera, o dal medico dell’Unità Operativa Territoriale presso cui è in carico la persona.

Q A Quali sono le procedure d'accesso ai servizi di assistenza domiciliare al di fuori di una convenzione con il SSN?

I Servizi della Società sono erogati in convenzione con il SSN - secondo le modalità indicate altrove in questo sito web e nella Carta dei Servizi e Regolamento ADI della Società - oppure, nelle more della convocazione della commissione UVM o, anche per libera scelta, al di fuori della convenzione con il SSN, nell'ambito di un contratto di diritto privato con pagamento del corrispettivo dei servizi offerti a carico dell'utente. Sulla base della segnalazione o richiesta ricevuta, l'utente o il referente familiare è contattato per organizzare una prima visita e per comunicare, eventualmente, il nome dei collaboratori che saranno assegnati al caso...

Q A Da chi è formulata la richiesta di attivazione/riattivazione/cambio/sospensione del servizio ADI?

La richiesta di attivazione/riattivazione/cambio/sospensione del profilo ADI è formulata, di norma: dal MMG/PLS e dall’Ospedale secondo il protocollo Dimissione Protetta; dai Servizi Sociali del comune di residenza; dal familiare; dal care–giver. Ogni proposta è formalizzata con la richiesta inoltrata dal MMG/PLS tramite l’apposito modulo. La richiesta relativa ad Assistenza Riabilitativa è formalizzata con proposta e Piano Operativo dello specialista e, se autorizzata dal Distretto di competenza, è attivata dalla Società entro 20 giorni. In caso di urgenza (ad es: post–acuzie in Dimissione protetta con specifica prescrizione specialistica) entro 10 giorni.

Q A Che cosa si intende per Cure Domiciliari Prestazionali?

Si intende una risposta prestazionale ad un bisogno puntuale di tipo medico, infermieristico e/o riabilitativo che, anche qualora si ripeta nel tempo, non presupponga la presa in carico del paziente, né una valutazione multi dimensionale e l’individuazione di un piano di cura multi disciplinare. Sono richieste dal medico, responsabile del processo di cura del paziente e sono volte a soddisfare un bisogno sanitario semplice nei casi in cui il paziente presenti limitazioni funzionali che rendono impossibile l’accesso ai servizi ambulatoriali.

Q A A quali soggetti sono rivolte le Cure Domiciliari di I° e II° livello?

Sono ricompresi in questa tipologia assistenziale interventi professionali rivolti ai malati e alle loro famiglie previsti dal PAI. L’attivazione dell’assistenza richiesta dal medico responsabile delle cure del paziente prevede il coinvolgimento del medico di Medico di Medicina Generale (MMG) nella definizione degli obiettivi e dei processi assistenziali attraverso la valutazione multi dimensionale. Si rivolge a malati che pur non presentando criticità specifiche o sintomi particolarmente complessi hanno bisogno di continuità assistenziale ed interventi programmati che si articolano sui 5 giorni (I° livello) o 6 giorni (II° livello). Le cure integrate di I° e II° livello prevedono un ruolo di centralità.

Q A A quali soggetti sono rivolte le Cure Domiciliari di III° livello?

Dette cure consistono in interventi professionali rivolti a malati che presentano dei bisogni con un elevato livello di complessità in presenza di criticità specifiche: malati terminali (oncologici e non); malati portatori di malattie neurologiche degenerative/progressive in fase avanzata (SLA, distrofia muscolare); fasi avanzate e complicate di malattie croniche; pazienti con necessità di nutrizione artificiale parenterale; pazienti con necessità di supporto ventilatorio invasivo; pazienti in stato vegetativo e stato di minima coscienza.

Q A In cosa consistono le Prestazioni Socio-Assistenziali Domiciliari?

L'Assistenza Domiciliare Integrata consiste in interventi da fornire ai cittadini al fine di favorire la permanenza nel loro ambiente di vita, evitando l'istituzionalizzazione e consentendo loro una soddisfacente vita di relazione attraverso un complesso di prestazioni non solo Sanitarie ma anche Socio-Assistenziali, purché erogate in forma integrata con le Cure Mediche e secondo Piani Individuali Programmati. Le prestazioni di tipo Socio-Assistenziale si articolano per aree di bisogno, con riferimento a persone affette da malattie croniche invalidanti e/o progressivo-terminali.

 

Sorgente srl offre cure e servizi domiciliari di carattere sanitario, socio-sanitario, socio-assistenziale, riabilitativo e tutelare.

Orario di apertura Uffici Amministrativi

da lunedì a venerdì
dalle 8:00 alle 14:00

Informazioni contatti

Chiama ora: 0833 911 722
Invia una mail a sorgentecomunita@libero.it
Sede: Via Sant'Antonio da Padova 24
73057 Taviano, LE, Italia